iten

Occidente ferito

Il potenziale di guarigione dello sciamanesimo nel mondo contemporaneo - Articolo di Ana Maria Llamazares

Occidente ferito

Tutti noi ci rendiamo conto che questo è un momento particolarmente intenso di trasformazione per l’umanità. In special modo, il modello di sviluppo dell’Occidente vive una crisi strutturale che ci tocca tutti a livello personale, sociale, economico, culturale. Vi presentiamo un articolo dell’antropologa argentina Ana Maria Llamazares, che analizza le cause epistemologiche di questa crisi e mette in campo la proposta di una via di guarigione che origina dalle culture primigenie di tutto il mondo e si trova riflessa in alcune figure della mitologia greca, quelle di Dioniso e del Centauro Chirone. Ci pare una proposta utile e tempestiva, perché attinge agli strati più antichi e profondi della nostra cultura e li collega alle vie iniziatiche extra-europee; in quest’epoca di globalizzazione, trovare un ponte fra io e l’altro, scienza e religione, natura e cultura, corpo e mente appare più che mai necessario.

Come sostiene lo storico delle religioni Joseph Campbell, autore fra l’altro di L’eroe dai mille volti (Ed. Guanda, 2008) “Non siamo soli ad affrontare l’avventura, perché gli eroi di tutte le epoche ci hanno preceduti. Il labirinto non ha più segreti. Dobbiamo semplicemente seguire il filo lungo il percorso dell’eroe, e dove pensavamo di incontrare un mostro, troveremo un dio. Dove pensavamo di uccidere altri, uccideremo noi stessi. Dove pensavamo di dover cercare all’esterno, ci ritroveremo invece al centro della nostra esistenza. E dove avevamo pensato di essere soli, avremo tutto il mondo al nostro fianco.”

Link all’articolo Occidente Ferito.