iten

Vajrayogini, la Dakini Rossa

con Vicki Noble

Vajrayogini, la Dakini Rossa

5-6 ottobre 2013

Villa 5, Sala Polivalente
Parco della Certosa, Collegno (TO)
Come arrivare a Villa 5

 

Per informazioni e iscrizioni: aurora@aurorassociazione.org

 Scarica il volantino

 

A ottobre Vicki Noble tornerà in Italia per approfondire il lavoro spirituale sulle Dakini tibetane, attraverso lo studio delle pratiche inerenti la figura di Vajrayogini, la dakini rossa.

Vajrayogini è la regina delle Dakini, conosciute come Donne-che-Camminano-nel-Cielo del Buddhismo Vajrayana. I Buddhisti tibetani meditano su di lei come un’icona di energia spontanea o di coscienza illuminata, l’aspetto femminile di un Budda completamente illuminato, fiero, selvaggio ed energico.

In India e Nepal si fonde con Durga, la guerriera virtuosa, con cui condivide l’attributo di essere “senza consorte”, cioè di non fare coppia con una divinità maschile, cosa che la rende un potente simbolo di autonomia femminile, un modello di riferimento molto importante anche per le donne occidentali.

In questo seminario di due giorni per donne ci si avvicinerà a Vajrayogini in quanto icona di femminilità completa, che incarna le varie potenzialità dell’archetipo femminile, basato sui cicli lunari mestruali di luce crescente o calante.

Vajrayogini incarna il lignaggio rosso che risale alle origini dell’umanità, e nei secoli continua a trasmettere attraverso le donne un antico insegnamento spirituale femminile. In un rapporto tantrico, la dakini benedice il partner con il suo “corpo vuoto e radioso, trasmissione diretta della sua natura”.

Vicki Noble è stata iniziata e autorizzata a trasmettere il suo adattamento della pratica e del ritule di Vajrayogini. Attraverso il suo insegnamento e l’uso di mudra, mantra, visualizzazioni e altre pratiche yogiche, entreremo in contatto con questa focosa femminilità primordiale per risvegliare la nostra consapevolezza nella aree della creatività, sessualità, potere magico, e pura consapevolezza o beatitudine. La pratica tantrica si organizza intorno alla metafora ricorrente della fusione, e il suo potere di indurre l’esperienza della non dualità o “un sapore”. Invochiamo questa rossa divinità per entrare nel suo mandala dai tredici petali e unirci con lei, fondere le nostre piccole identità con la forma radiante di Vajrayogini, per acquisire il potere di agire in modo più spontaneo nelle nostra vite e vincere i nostri problemi di interazione sociale.

Sono benvenute le donne che hanno un ciclo mestruale attivo e possono ancora fare offerte di sangue in onore di Vajrayogini, e benvenute le donne in menopausa che sono aldilà delle mestruazioni e tengono la sapienza del sangue sacro dentro di loro.